Il filmato fa parte di una serie d’inchieste condotte da Vittorio De Seta nel 1979 sul mondo della scuola in Italia.

Vittorio De Seta è il regista che, qualche anno prima, aveva tratto dal libro Un anno a Pietralata di Albino Bernardini il “Diario di un maestro“, un film per la televisione col bravissimo attore Bruno Cirino come protagonista e avvalendosi della consulenza pedagogica di Francesco Tonucci. Il film fu trasmesso in quattro puntate nel 1973, ebbe un grande successo con una media di 15 milioni di telespettatori a puntata. (Sul comodino del protagonista verrà inquadrato, in una scena, Il paese sbagliato di Mario Lodi).
A seguito della messa in onda del film per la televisione, il regista De Seta avendo ricevuto una serie di lettere di insegnanti che affermavano che il maestro del Diario era “finto” e che una scuola come quella descritta era immaginaria e irrealizzabile, decise di mostrare con la pratica del documentario alcuni esempi di scuola attiva e cooperativa. Progetta quindi i quattro documentari della serie “Quando la scuola cambia”.

La serie dal titolo Quando la scuola cambia, proprone quattro documentari e fu realizzata in quattro puntate. Le prime tre trasmesse il 10, 17 e 24 aprile 1979. La quarta mandata in onda successivamente, all’interno del programma Scatola Aperta.

  • Partire dal bambino: Mario Lodi
    Girato nella scuola di Vho di Piadena.
  • Tutti i cittadini sono uguali senza distinzione di lingua 
    Sul maestro pugliese Carmine De Padova.
  • I diversi 
    Sull’inserimento di bambini portatori di handicap nelle scuole pubbliche in provincia di Lecce.
  • Lavorare insieme non stanca
    Sulla scuola di Gorla e la maestra del Movimento di Cooperazione Educativa Caterina Foschi Pini.

Il video qui proposto è tratto dal primo documentario Partire dal bambino in cui il regista si concentra sull’esperienza di Mario Lodi, maestro elementare a Vho di Piadena, nella bassa Padana, tra le città di Mantova e Cremona, sulle rive dell’Oglio. Per metterne a fuoco i principi didattici, le parole dell’insegnante sono alternate alle riprese effettuate in una IV elementare della scuola documentando il lavoro del maestro e i suoi alunni. L’apprendimento secondo Lodi, parte dal bambino, dal suo mondo, da ciò che conosce e gli è caro, quindi è necessario associare qualsiasi materia con la vita di tutti i giorni. Fondamentale è inoltre, per Lodi, la conoscenza del bambino perché non c’è processo educativo che sia avulso dalla realtà familiare.

Allegati